News LIVE

Venezia v Bologna Cronaca della partita, 08/05/22

FIN
4 - 3
VEN
BOL
T. Henry (4)
S. Kiyine (19)
M. Aramu (78 RIG)
D. Johnsen (90+3)
R. Orsolini (45+2)
M. Arnautović (55)
J. Schouten (68)
Stadio Pierluigi Penzo
Venezia-Bologna 4-3: vittoria allo scadere, Johnsen tiene in vita i Lagunari
16:58 CEST 08/05/22
Venezia players celebrating Venezia Bologna Serie A
Il Venezia batte in pieno recupero il Bologna ed ottiene una vittoria che gli consente di evitare una retrocessione che sarebbe stata matematica.

Il Venezia resta aggrappato alla Serie A e lo fa con tutte le sue forze. La compagine Lagunare riesce infatti ad imporsi contro il Bologna al termine di una partita vissuta per buoni tratti con più di un piede nel baratro.

Al ‘Penzo’ le cose si sono messe fin da subito bene per gli uomini di Soncin. Già al 4’ infatti il Venezia è passato in vantaggio con Henry che, raccogliendo un pallone calciato direttamente da Maenpaa, è stato freddo nel battere Skorupski con un preciso pallonetto.

Il Bologna non c’è in campo e anche Sinisa Mihajlovic, al ritorno in panchina, sembra fare fatica a riconoscere la propria squadra. Il Venezia domina senza troppa fatica e al 19’ trova anche il goal del raddoppio: calcio di rigore assegnato per un fallo in uscita di Skorupski ai danni di Haps. Della battuta dal dischetto si incarica Kiyine che, prima si fa ipnotizzare da portiere polacco e poi sulla ribattuta insacca.

Sotto di due reti, il Bologna prova ad entrare in partita e, dopo un paio di occasioni per parte, è Mihajlovic a cambiare le sorti del match con un’intuizione. Al 33’ richiama in panchina Theate per giocarsi la carta Orsolini ed è proprio l’attaccante, nel corso del recupero della prima frazione, a sfruttare al meglio un gran cross dalla sinistra di Barrow e a riaprire i giochi con un colpo di testa.

Nella ripresa il Bologna pare trasformato e al 55’ pareggia i conti con Arnautovic che, servito da De Silvestri, non ha problemi a segnare da distanza ravvicinatissima.

In squadra adesso c’è una sola squadra ed è quella ospite, che al 68’ completa il suo sorpasso con un’autentica prodezza balistica di Schouten. E’ 2-3 per i felsinei.

Il Venezia, non avendo più nulla da perdere, prova a gettarsi in avanti con l’obiettivo di riaprire i giochi e al 73’ il suo forcing viene premiato quando l’arbitro Marinelli assegna un calcio di rigore per fallo di Medel ai danni di Aramu. Sul dischetto si presenta lo stesso arancioneroverde che spiazza Skoruspki.

Nel finale sembra essere la stanchezza ad avere la meglio su tutti, ma al 93’, in pieno recupero, accade l’incredibile: Johnsen trova il destro a giro giusto e insacca in rete il pallone che vale il clamoroso 4-3.

Ogni verdetto è dunque rimandato alle prossime giornate: per il Venezia non è tempo di salutare la Serie A.

IL TABELLINO E LE PAGELLE

VENEZIA-BOLOGNA 4-3

Marcatori: 4’ Henry (V), 19’ Kiyine (V), 45+2’ Orsolini (B), 55’ Arnautovic (B), 68’ Schouten (B), 78’ rig. Aramu (V), 90+3' Johnsen (V)

VENEZIA (3-5-2): Maenpaa 6; Svoboda 6, Caldara 5, Ceccaroni 5.5; Mateju 5.5, Crnigoj 5.5 (79’ Okereke 6), Vacca 6 (56’ Fiordilino 6), Cuisance 5 (79’ Peretz 6), Haps 6.5 (64’ Johnsen 7); Kiyine 6.5 (56’ Aramu 7), Henry 7. All. Soncin

BOLOGNA (3-5-2): Skorupski 5.5; Soumaoro 5.5, Medel 5.5, Theate 5.5 (33’ Orsolini 7); De Silvestri 6, Svanberg 5.5 (46’ Dominguez 6), Schouten 7, Soriano 6 (69’ Vignato 6), Hickey 5.5; Barrow 6.5 (69’ Sansone 6), Arnautovic 7. All. Mihajlovic

Arbitro: Marinelli

Ammoniti: Skorupski (B), Kiyine (V), Hickey (B), Medel (B), Mateju (V), Dominguez (B)

Espulsi: -