Torreira si prende un'ammonizione evitabile: Okan Buruk gli fa la ramanzina

Torreira Okan
Twitter
Il Galatasaray supera il Fenerbahçe al 1° posto, ma Okan si arrabbia con Torreira, che sarà squalificato. L'ex viola: "Chiedo scusa, sono umano".

In Turchia, Natale significa anche calcio. E pure sorpassi in classifica. Nel giorno in cui va in scena il derby italiano tra Vincenzo Montella e Andrea Pirlo, con vittoria del primo sul secondo, il Galatasaray si prende la vetta della Süper Lig: 2-1 all'Istanbulspor qualche ora dopo la sconfitta sul campo del Trabzonspor del Fenerbahçe, da ora ex capolista del torneo.

Ma ad attirare l'attenzione nel derby della Capitale, oltre alla doppietta di Bafe Gomis decisiva per la vittoria, è stato anche un episodio accaduto nel finale della gara. Protagonista in negativo: Lucas Torreira, l'ex regista di Pescara, Sampdoria e Fiorentina, approdato a Istanbul la scorsa estate dopo la mancata permanenza a Firenze.

Torreira, titolarissimo del Galatasaray, è stato tolto nel recupero da Okan Buruk per consentirgli di tirare il fiato e per guadagnare qualche secondo. Solo che l'uruguaiano ci ha messo un po' troppo a uscire dal campo. Il direttore di gara ha interpretato il suo comportamento come una perdita di tempo e ha estratto il cartellino giallo: un'ammonizione evitabile che, sommata alle altre quattro già ricevute da Torreira in questo inizio di torneo, costringerà l'ex viola a saltare per squalifica la trasferta contro il Sivasspor di giovedì 29.

L'articolo prosegue qui sotto

E Okan come l'ha presa? Piuttosto male. Evidentemente conscio di dover fare a meno di uno dei suoi migliori giocatori tra tre giorni, ha fermato Torreira prima che questi si dirigesse in panchina e gli ha riservato una discreta ramanzina. L'uruguaiano ha provato a spiegarsi, indicando l'arbitro, ma senza troppo successo.

"Il motivo per cui mi sono arrabbiato è che ha preso un cartellino facile - ha spiegato l'ex centrocampista dell'Inter alla stampa turca dopo la partita - Se verrà con noi contro il Sivasspor? No, noi non portiamo i giocatori squalificati da nessuna parte. Rimarrà qui ad allenarsi".

Torreira, invece, ha provato ad alleggerire la tensione con un post pubblicato sui social:

"Wow, è Natale! Siamo primi in classifica, però Babbo Natale mi ha regalato un cartellino giallo stupido. Chiedo scusa ai tifosi, sono umano. Vi amo tutti".

Nonostante quanto accaduto nel finale a Torreira - al posto del quale è peraltro entrato un altro ex Serie A, ovvero Sergio Oliveira - il Galatasaray, come detto, ha centrato la missione: vincere e superare al primo posto il Fenerbahçe. A Sivas toccherà proprio al portoghese sostituire il compagno davanti alla difesa.

Chiudi