News LIVE
Qualificazioni WC Sud America

Finisce l'era Tabarez: risolto il contratto con l'Uruguay dopo 15 anni

20:15 CET 19/11/21
Oscar Tabarez
Mondiali a rischio per l'Uruguay dopo quattro sconfitte di fila: paga Tabarez, ct alla guida della Celeste dal 2006.

Ha guidato l'Uruguay nelle gioie e nelle difficoltà, per diverse Copa America e Mondiali. Si era insediato sulla panchina della Celeste nel 2006: dopo quindici anni Oscar Washington Tabarez non è più il commissario tecnico, esonerato dall'incarico in seguito alla difficile situazione di qualificazione ai prossimi Mondiali del 2022 in terra qatariota.

Tabarez paga infatti quattro sconfitte di fila della sua Nazionale, che rischia seriamente di dire addio al torneo di Qatar 2022 al via il prossimo autunno. Attualmente fuori dai posti di qualificazione (ne sono rimasti due più uno playoff, dopo i pass ufficiali di Argentina e Brasile), la nazionale sudamericana è in grande crisi in ogni settore.

Dopo il pesante k.o contro la Bolivia per 3-0, Tabarez aveva evidenziato di non voler comunque mollare:

"Non lascerò l'incarico. Sono un professionista, ho un contratto e so cosa devo fare. Certe decisioni vengono prese dall'alto e devono essere rispettate, ma non potrebbero chiederlo a me dopo tanto tempo su questa panchina. Non farò un passo indietro".

Ha deciso per lui la federazione, per nulla intenzionata a rinunciare ai prossimi Mondiali. In squadra sono presenti giocatori importanti come Cavani e Suarez, ma entrambi i bomber sono oltre i 30 e faticano alla pari di una difesa senza ricambi e un centrocampo che và a fasi alterne.

Muslera, Godin, Caceres, Bentancur, Nandez e compagnia sono stati superati in classifica da Cile, Ecuador, Colombia e Perù, con la stessa Bolivia a spingere alle spalle dell'Uruguay. A gennaio l'ultima spiaggia, per evitare di cadere in una nuova crisi senza grandi risultati come capitato tra la fine dello scorso millennio e l'inizio del nuovo.

Sotto Tabarez, l'Uruguay ha ottenuto un quarto posto ai Mondiali, concludendo a quarti e ottavi di finale gli ultimi due. In Copa America, invece, la Celesta ha ottenuto il titolo nel 2011. Quindici anni di grandi soddisafazioni, ma anche di traballamenti difficili da digerire per i tifosi, come quello del 2021.

La federazione ha salutato Tabarez e il suo staff per il lavoro svolto, consapevole però di dover provare a dare una svolta per l'inizio del 2022. L'Uruguay proverà ad andare ai Mondiali con una nuova guida tecnica, quindici anni dopo l'addio di Fossati e l'arrivo del Maestro ex di Cagliari e Milan.