News LIVE
Premier League

Snobbato dal Napoli, protagonista in Premier League: Cucurella miglior giocatore del Brighton

17:52 CEST 11/05/22
Cucurella Brighton
"De Laurentiis non ha mai parlato coi suoi collaboratori di questo Cucurella", twittava il Napoli nel 2020. Oggi il l'ex Barça è al top in Premier-

Un nono posto in classifica migliorabile nelle ultime due partite, una salvezza conquistata con largo anticipo, qualche soddisfazione come il devastante 4-0 rifilato al Manchester United. Il Brighton è la sorpresa della stagione in Premier League. E il suo miglior giocatore è Marc Cucurella, il mancino che il Napoli non conosceva.

Accadeva un paio d'anni fa. Maggio 2020, in piena pandemia. Non si gioca, ma le voci di mercato continuano imperterrite a far capolino su quotidiani e siti. Magari Cucurella non è il nome più prestigioso possibile, ma di lui si parla parecchio. Soprattutto in ambito Napoli. Qualcuno sostiene che l'interesse sia reale, altri che i partenopei stiano spingendo parecchio per portare in Italia lo spagnolo. Ed è qui che il club se ne esce con un paio di tweet - come dire - particolari.

"In tema di Fake News (non ci stancheremo mai di dare battaglia alla manipolazione dell’informazione), leggiamo che il Napoli sarebbe fortemente interessato a Cucurella e che, addirittura, il presidente De Laurentiis chiamerebbe il presidente del Getafe “ogni tre giorni”. È una bufala, una Fake News. De Laurentiis non sa nemmeno chi sia il Presidente del Getafe e non ha mai parlato con i suoi collaboratori di questo Cucurella".

Un paio d'anni dopo, "questo Cucurella" è uno dei migliori giocatori della Premier League. E soprattutto il miglior giocatore del Brighton, con tanto di premio ricevuto un paio di sere fa in una serata di gala organizzata dal club. Un riconoscimento che segue a ruota la grande gioia della sua prima rete in terra inglese, messa a segno proprio qualche giorno prima nella già citata quaterna al Manchester United.

33 presenze in campionato per Cucurella, un titolare indiscusso del manager Graham Potter, che gli ha trovato un posto da terzo di difesa dopo gli inizi da terzino puro nel Barcellona. A proposito di Barça: i catalani se lo sono fatti sfuggire, prima prestandolo e poi cedendolo a titolo definitivo al Getafe, con cui un paio d'anni fa ha anche affrontato l'Inter in Europa League. Il Brighton ha speso 18 milioni di euro per portarlo in Premier League. E non se n'è pentito.

Cucurella, durante la serata degli awards ai giocatori del Brighton, ha anche fatto sfoggio di simpatia. Quando ha dovuto dare il via a un discorso davanti ai presenti, costringendosi a esibire un inglese un po' maccheronico e intriso di accento spagnolo, ha scherzato rivolgendosi a Potter:

"Ehi mister, la prossima stagione lasciami in panchina. Non mi piace parlare in inglese!".

Con prestazioni costanti e di alto livello, è difficile che accada. Del resto, da tempo non è più "questo Cucurella". O forse non lo è mai stato.