News LIVE
Qualificazioni Mondiali

Repubblica - Cambia il rigorista dell'Italia: sarà Berardi e non Jorginho

14:03 CET 24/03/22
Jorginho Italy Switzerland
In caso di penalty contro la Macedonia, non sarà Jorginho a presentarsi sul dischetto: a prendere il suo posto sarà Berardi.

Dentro o fuori. O si va in finale playoff o i Mondiali, per la seconda edizione di fila, ce li guardiamo comodamente seduti sul divano di casa. Contro la Macedonia, vietato sbagliare. Quel che l'Italia, ahinoi, ha fatto un po' troppo dopo l'ebbrezza degli Europei conquistati, tra passi falsi in serie ed errori marchiani dal dischetto.

Già, i calci di rigore. Gioia assoluta a Wembley, tristezza e malinconia a Roma e in Svizzera. Il protagonista? Sempre il solito: Jorginho. Colui che ci ha portati in finale con la trasformazione decisiva contro la Spagna, che nell'atto conclusivo si è fatto ipnotizzare da Pickford, che per due partite su due ha graziato gli svizzeri. E che ora, in caso di nuovo penalty assegnato all'Italia, si farà da parte.

Non sarà lui, secondo 'Repubblica', il rigorista azzurro contro la Macedonia. E dunque, nel caso il fischietto francese Turpin indichi il dischetto, a presentarsi dagli 11 metri sarà Domenico Berardi. Un altro che ci sa fare, che non si fa tradire dalle emozioni, come del resto ha dimostrato pure l'11 luglio.

Un altro rigorista come Leo Bonucci, del resto, non c'è. Negli scorsi giorni si è regolarmente presentato in ritiro, ma sarà a disposizione soltanto per l'eventuale finale playoff contro una tra Portogallo e Turchia. Mentre in caso di necessità è a disposizione anche Ciro Immobile, che però di rigori in Nazionale ne ha calciato soltanto uno, un anno fa in Lituania. Discorso simile per Lorenzo Insigne, altro rigorista - tra alti e bassi - con la maglia del Napoli.

Quanto a Jorginho, come detto, pesa enormemente il ricordo del rigore calciato tra le mani di Sommer e poi alle stelle all'Olimpico, sempre contro la Svizzera. Due macigni che, di fatto, hanno costretto l'Italia a chiudere il raggruppamento al secondo posto, dando il via libera ai festeggiamenti rossocrociati per la qualificazione diretta in Qatar.

Se l'italo-brasiliano in questa stagione ha comunque ottenuto l'en plein con la maglia del Chelsea (9 esecuzioni, tutte a segno), Berardi è sulla stessa linea: 7 tentativi e 7 trasformazioni. L'ultima in Nations League, a ottobre, contro il Belgio. Gara in cui Jorginho, già provato dall'errore di Basilea, era comunque in panchina.