News LIVE
Serie A

Pioli è sicuro: "La gara più difficile, ci mancano 7 punti per fare qualcosa di straordinario"

14:27 CEST 07/05/22
Pioli
L'allenatore rossonero ha presentato la gara contro il Verona: "Faranno di tutto per batterci, non ho visto Inter-Empoli, ho guardato il tennis".

Ancora 3 ostacoli verso lo Scudetto. Se il Milan le vince tutte è campione d'Italia, ma per coronare una stagione super non deve sbagliare e tenere l'Inter a distanza. Prossimo impegno, quello in casa del Verona di Tudor.

Stefano Pioli, in conferenza stampa, ha parlato alla vigilia del match in programma domenica sera al 'Bentegodi'.

"Sarà bello ancora una volta affrontare una partita con così tanti tifosi milanisti: ci stanno trasmettendo un grande entusiasmo che vogliamo portare in campo anche domani sera. Che settimana è stata? Da prima della Lazio in poi tutte le partite hanno avuto e avranno un peso importante per la classifica, quindi è stata una settimana come le altre. Affrontiamo una squadra che sta facendo una grande stagione e potrà metterci in difficoltà. E' il momento giusto per dimostrare che non siamo solo bravi, ma che possiamo essere i migliori".

Quella contro il Verona, però, secondo Pioli è la gara più difficile della stagione.

"Sappiamo benissimo che noi e il Verona siamo tra le squadre che segnano più goal all'inizio della partita, quindi sappiamo quanto sia importante l'approccio alla gara, ma solamente credendoci fino alla fine avremo la possibilità di fare bene anche domani.. Quale step chiedo adesso ai miei? Di dominare le partite. Il Verona farà di tutto per batterci perché sta facendo un campionato straordinario e affronta una squadra importante. E' la partita più difficile".

Giocare dopo l'Inter incide? A Pioli non interessa: ieri ha preferito altro e non guardare Inter-Empoli.

"Sappiamo tutti quello che ci manca: ci mancano 7 punti per vincere e fare qualcosa di straordinario. Siamo stati bravi perché siamo sempre andati contro i pronostici che ci davano per sfavoriti. Giochiamo dopo l'Inter? Non mi interessa perché sappiamo quello che vogliamo. Non ho visto Inter-Empoli: ho seguito il mio allenamento e poi una partita di tennis".

Si parla tanto anche della situazione arbitrale: l'allenatore rossonero ha la sua idea.

"Errori arbitrali nella lotta Scudetto? Dipende dal Milan tutto quello che possiamo controllare: la prestazione, gli atteggiamenti, la nostra qualità. Poi c'è chi deve fare le sue scelte e noi le rispetteremo".

Focus sul clima nello spogliatoio: il Milan, stando a quanto racconta Pioli, è protno.

"Non vedo i miei ragazzi in tensione. Pensavo di dover essere qui tutti i giorni a Milanello a tranquillizzarli e invece sono tutti concentrati, tranquilli e sorridenti, felici di essere qui. Come si vivono queste ore? Ognuno dei miei ragazzi le vovrà a seconda delle abitudini: c'è chi parla molto, c'è chi invece si chiude senza parlare, anche giorni prima. Vedo atteggiamenti giusti per il momento. Hanno scritto 'Milan prima delle peggiori'? Sì, ho letto e non mi era piaciuto, ma non mi interessa: siamo troppo concentrati per farci distrarre da queste cose. Poi se c'è al mondo ancora qualcuno che critica Ancelotti è permesso tutti".