News LIVE
Palmeiras vs Flamengo

Palmeiras-Flamengo, derby di fuoco: a Montevideo si assegna la Libertadores

20:30 CET 27/11/21
Palmeiras Flamengo
In Uruguay si gioca la finalissima della Copa Libertadores: il Palmeiras cerca il bis, il Flamengo è guidato da Renato Gaucho.

Una ha trionfato un anno fa, nel 2019. L'altra appena pochi mesi orsono, a gennaio, in un calendario sfalsato per colpa della pandemia. E ora, come in una sorta di spareggio, al Centenario di Montevideo Palmeiras e Flamengo si ritrovano una contro l'altra per stabilire chi sia la regina del Sudamerica, in una finale di Copa Libertadores che unisce fascino e un pizzico di sana rivalità.

Già, perché Verdão e Mengão non fanno parte dello stesso Stato - una è paulista, l'altra carioca - ma della stessa Nazione sì. È un derby brasiliano, come accaduto appena tre volte nel corso della storia della Libertadores. L'ultima proprio meno di un anno fa, al Maracanã di Rio de Janeiro, ancora il Palmeiras contro il Santos, 0-0 dopo i tempi regolamentari e colpo di testa decisivo a un passo dai rigori di Breno Lopes, l'eroe meno atteso e meno pronosticato.

Palmeiras e Flamengo hanno due corazzate come rose. Anche se il Brasileirão è ormai destinato a conquistarlo l'Atletico Mineiro di Diego Costa, che ha un ottimo margine di distacco sulle due finaliste. Proprio il Galo è stata l'ultima vittima del Palmeiras in semifinale, dopo che Weverton e compagni avevano già estromesso il San Paolo nel turno precedente. Tre clássicos di fila verso la gloria. Non male.

Gli uomini copertina? Tanti. A partire da quel Gabigol che in Italia è partito dalle retrovie e nelle retrovie è rimasto, risorgendo dalle proprie ceneri una volta rimesso piede in Brasile. Il Palmeiras ha invece l'ex rossonero Luiz Adriano, che però ha 34 anni e in questa stagione ha giocato pochissimo e segnato ancor meno: appena due reti. A Montevideo, ancora una volta, partirà dalla panchina.

In panchina, nel Palmeiras, siede Abel Ferreira. 43 anni, ex Braga e PAOK, sta portando avanti la moda portoghese avviata un paio d'anni fa da Jorge Jesus, campione col Flamengo, e in una manciata di ore, della Libertadores e del Brasileirão. Qualche mese fa pareva in bilico, risucchiato da quella lavatrice di allenatori che è il futebol laggiù. Poi si è ripreso. E ora sogna il bis. È il quindicesimo allenatore a giocare due finali di fila di Libertadores: l'ultimo è stato Marcelo Gallardo (River Plate, 2018 e 2019).

Dall'altra parte c'è un'altra vecchia conoscenza del nostro calcio: quel Renato Gaucho, ovvero Renato Portaluppi, che sta avendo maggiori riconoscimenti in panchina di quanti non ne abbia ricevuti in campo (anche a Roma). Anche lui ha già vinto la Libertadores, sia in campo che in panchina e sempre col Gremio. È subentrato a stagione in corso a Rogerio Ceni, che ha vinto lo scorso Brasileirão.

Quanto all'albo d'oro, siamo lì: Palmeiras e Flamengo possono vantare due Libertadores a testa. Il Verdão le ha vinte nel 1999 e all'inizio di quest'anno, il Fla nel 1981 e nel 2019. Entrambe, dunque, vanno a caccia del terzo sigillo.

FORMAZIONI UFFICIALI PALMEIRAS-FLAMENGO

PALMEIRAS (4-4-2): Weverton; Mayke, Gomez, Luan, Piquerez; Scarpa, Ze Rafael, Danilo, Veiga; Dudu, Rony

FLAMENGO (4-2-3-1): Diego Alves; Isla, Rodrigo Caio, David Luiz, Filipe Luis; Willian Arão, Andreas Pereira; Everton Ribeiro, de Arrascaeta, Bruno Henrique; Gabigol. All. Renato Gaucho