Notizie Partite
Serie A

Dagli acquisti alle tre sconfitte consecutive: l'avvio shock del Monza in Serie A

20:44 CEST 26/08/22
Matteo Pessina Monza Udinese Serie A
La formazione di Stroppa continua a perdere all'esordio assoluto in massima serie, nonostante i numerosi investimenti del club.

Lo sguardo perso nel vuoto dei giocatori della formazione di Giovanni Stroppa al triplice fischio della sfida contro l'Udinese dice tutto: nessuno a Monza si aspettava un esordio in Serie A così difficile.

Anche perché la festa per la storica promozione in massima serie, conquistata in finale Playoff contro il Pisa, non si è esaurita, ma anzi è stata alimentata dall'entusiasmo generato da un mercato che ancora non è finito.

Cragno, Ranocchia, Petagna, Marlon, Pablo Marì e Pessina sono sono alcuni dei nomi consegnati a Stroppa dalla proprietà Berlusconi e dalla dirigenza guidata da Adriano Galliani, che opererà fino alla fine per rinforzare la rosa.

Il debutto assoluto in Serie A, comunque, rimane molto negativo: 3 sconfitte su 3 contro Torino, Napoli e Udinese, e non solo. Più in generale, però, sono i segnali a preoccupare.

"C'è tanto rimpianto perché era una partita che potevamo vincere: non possiamo prendere goal a difesa schierata, gratuitamente", ha spiegato Stroppa a DAZN al termine della sfida contro la formazione di Sottil.

All'U-Power Stadium il Monza era pure passato in vantaggio grazie a Colpani (prima volta in assoluto in Serie A), ma nulla ha potuto evitare la sconfitta.

Con i 2 goal subiti dall'Udinese salgono a 8 le reti al passivo dei brianzoli in 3 gare: una media spaventosa, non bilanciata dai 2 goal all'attivo. Insomma, troppo poco.

"C'è bisogno di tempo, questa squadra ha bisogno ancora di qualcosa", ha aggiunto Stroppa.

Fragilità difensiva e poco carattere nei pressi dell'area avversaria: se con il Torino si era parlato di emozione per il debutto e con il Napoli di differenza qualitativa, i problemi della formazione dell'ex Foggia sono venuti fuori contro i bianconeri.

Galliani opererà ancora sul mercato, ma al Monza serve altro: un avvio del genere, comunque, non se lo aspettava nessuno, al netto delle operazioni in entrata. La strada è in salita, il campionato molto lungo: pazienza e lucidità. Il resto lo dirà il campo.