Notizie Partite
Serie A

Locatelli alla Juve, da titolare a riserva per Allegri: "Doveva essere il primo cambio"

11:12 CEST 17/09/22
Locatelli Juventus
Nei piani originari di Allegri, Locatelli avrebbe dovuto agire da prima riserva tra i centrocampisti: gli infortuni hanno stravolto tutto.

E' il 18 agosto 2021 quando, al termine di una estenuante trattativa di calciomercato, la Juventus si assicura l'astro nascente del centrocampo dell'Italia di Roberto Mancini, appena laureatasi campione d'Europa: quel giorno Manuel Locatelli lascia il Sassuolo in prestito biennale gratuito con obbligo di riscatto fissato a 25 milioni, più altri 12,5 di eventuali bonus.

Una spesa potenziale di 37,5 milioni effettuata dalla 'Vecchia Signora' per regalare a Massimiliano Allegri il tassello di cui ha bisogno, a poche settimane dal suo ritorno in panchina dopo due anni sabbatici trascorsi a studiare il calcio da osservatore esterno.

Investimento economico e tecnico importante, accolto con piacere dai tifosi. Oggi, a poco più di un anno di distanza, possiamo tranquillamente affermare che quell'entusiasmo ha lasciato progressivamente la scena ad un cambio di gerarchie all'interno della rosa bianconera, testimoniato dalle dichiarazioni dello stesso Allegri a 'Il Corriere della Sera'. Ecco uno stralcio della chiacchierata con Mario Sconcerti, riportata dal giornalista.

"La Juve era stata pensata in un altro modo. Con Rabiot-Paredes-Pogba a centrocampo più Locatelli a fare il primo che subentra. Di Maria e Chiesa sulle fasce, Vlahovic nel mezzo. La Juve di adesso è virtuale".

Tradotto: nella nuova Juventus, nella squadra che sarebbe dovuta tornare ai vertici del calcio nazionale ed europeo, a Locatelli sarebbe stato riservato un ruolo più marginale di quanto la natura dell'investimento fatto per strapparlo al Sassuolo potesse far credere.

A stravolgere i piani di Allegri, sono stati gli infortuni: nello specifico quello occorso a Paul Pogba, costretto a finire sotto i ferri e a fortissimo rischio per i Mondiali in Qatar, a cui potrebbe seriamente non partecipare per difendere il titolo di campione del mondo conquistato con la Francia in Russia quattro anni fa.

Locatelli ha così scongiurato lo status di riserva, continuando a stazionare nella mediana bianconera senza però una concreta collocazione: in questo inizio di stagione, ha ricoperto sia il ruolo di mediano in un centrocampo a tre che quello di centrale in un reparto a quattro. Segno di duttilità certo, ma anche di una confusione tattica figlia degli eventi negativi che hanno dato vita ad un copione completamente diverso rispetto alle previsioni.

Pogba ne avrà ancora per diverso tempo e, quantomeno fino a gennaio (quando è previsto il ritorno in campo del francese con la maglia della Juventus), Locatelli sarà uno dei perni su cui fare affidamento. Per poi, chissà, fare largo al compagno di squadra e accettare un ruolo più defilato: ma, su questo, ogni singola certezza va presa con le pinze. Soprattutto oggi.