Juanmi Callejon saluta il Bolivar: la reazione del baby tifoso commuove tutti

juanmi callejon
Rodrigo Buendia/AFP
Si chiude tra le lacrime l’avventura Juanmi Callejon al Bolivar: un giovane tifoso gli ha chiesto in ginocchio di restare.

Arriva negli ultimi giorni del 2019 quella che è senza dubbio una delle immagini più belle dell’anno. A regalarla è stato un giovane tifoso del Bolivar che ha riservato a Juanmi Callejon quello che è il saluto più affettuoso e sincero possibile.

Segui 3 partite della Serie A TIM a giornata in diretta streaming su DAZN

Il fratello gemello dell’esterno del Napoli è approdato nel club di La Paz nel 2013 e nel corso degli ultimi anni (nel 2017 ha vestito per un breve periodo la maglia dell’Al-Ettifaq in Arabia Saudita) è diventato uno degli idoli assoluti della tifoseria grazie ai suoi tanti goal e alle eccellenti prestazioni.

L'articolo prosegue qui sotto

Callejon, che con il Bolivar ha vinto due campionati di Apertura e due di Clausura, nelle scorse settimane ha annunciato il suo addio al club per motivi familiari e nelle scorse ore, poco prima di scendere in campo per un’ultima volta con la maglia della compagine boliviana, è stato avvicinato da un bambino che si è inginocchiato ai suoi piedi e in lacrime ha cercato di convincerlo a restare.

Juanmi Callejon, visibilmente commosso, non è riuscito a trattenere le lacrime e, dopo aver abbracciato il bambino, prima di congedarsi gli ha regalato la sua maglia.

La scena è stata ripresa da qualcuno tramite uno smartphone e in brevissimo tempo è diventata virale in tutto il mondo. Callejon, che tra l’altro ha salutato la sua squadra con in goal (la sua ultima partita contro il Royal Pari si è chiusa sul 2-2), ha spiegato come il suo non potrà mai essere un addio definitivo.

“Sono stato obbligato a prendere questa decisione per motivi familiari. Ringrazio tutti per questi sei anni vissuti insieme, questo non sarà un addio definitivo. Il calcio ci porta a girare molto e spero che un giorno le nostre strade possano tornare ad incrociarsi”.

Chiudi