News LIVE
Italia

Italia ripescata ai Mondiali? Perché è uno scenario impercorribile

11:46 CEST 31/03/22
Italy Macedonia
La domanda che tutti gli italiani si fanno dopo l'eliminazione contro la Macedonia è solo una: l'Italia può essere ripescata ai Mondiali?

La mancata qualificazione ai Mondiali dell'Italia, la seconda consecutiva dopo quella del 2018, ha riaperto una questione che speravamo di non affrontare nuovamente, quella del ripescaggio.

new Twitch.Player("twitch-embed", { channel: "goalitalia", width: "100%", height: "480" });

Dopo la sconfitta contro la Macedonia, che è costata alla Nazionale l'eliminazione prematura dai playoff per Qatar 2022, la domanda per molti degli italiani è stata solo e soltanto una: l'Italia può essere ripescata ai Mondiali?

Innanzitutto, chiariamo il fatto che lo status di campione d'Europa non garantisce alcun vantaggio a livello regolamentare. Chi vince gli Europei non è qualificato di diritto ai Mondiali (come del resto abbiamo già visto) e non è nemmeno favorito in ottica ripescaggio.

QUANDO UNA NAZIONALE VIENE RIPESCATA

Il meccanismo dei ripescaggi si apre automaticamente quando una Federazione calcistica già qualificata ai Mondiali viene sospesa o espulsa dalla FIFA. Recentemente questa sanzione è stata applicata su Kenya e Zimbabwe per interferenze del governo nelle attività calcistiche, ma nessuna delle due nazionali aveva ovviamente ottenuto il pass per Qatar 2022.

Diverso il caso della Russia, che comunque è stata estromessa dai playoff in favore della Polonia, che si è qualificata di diritto per la finale poi vinta contro la Svezia.

REGOLAMENTO FIFA, CRITERI RIPESCAGGIO

Il regolamento della FIFA non è chiarissimo sulla questione ripescaggi. L'articolo 6, nello specifico, si pronuncia così in merito:

"Se una qualsiasi associazione si ritira o viene esclusa dalla competizione, la FIFA deciderà sulla questione a sua esclusiva discrezione e intraprenderà qualsiasi azione si ritenga necessario".

Non ci sono dunque delle norme prestabilite, ma sarà la FIFA a prendere una decisione qualora tale situazione si verificasse, ma molto dipenderà da quale nazionale sarebbe eventualmente coinvolta e dalla sua confederazione.

ITALIA RIPESCATA AI MONDIALI: LO SCENARIO

Tra le nazionali non qualificate ai Mondiali, l'Italia è la più alta nel ranking oltre ad essere campione d'Europa in carica. Tuttavia questi due fattori meritocratici non influiranno quasi certamente in un ipotetico meccanismo di ripescaggio. Inoltre, allo stato attuale delle cose, non ci sono nazionali qualificate che rischiano l'estromissione dai Mondiali.

L'Ucraina è un caso da non considerare, perché qualora non dovesse giocare il playoff sarebbe comunque la Scozia a qualificarsi di diritto per la finale contro il Galles. Poi c'è il caso Iran, la cui federazione è finita nel mirino della FIFA in occasione dell'ultima partita contro il Libano, per non aver permesso l'ingresso allo stadio a circa 2.000 donne che avevano acquistato regolarmente il biglietto.

L'Iran aveva ricevuto un ultimatum in tal senso dalla FIFA nel 2019, ma è assai improbabile che si arrivi addirittura a un'esclusione da Qatar 2022, anche perché pare che la responsabilità sia delle autorità locali di Mashhad, dove si è disputata la partita contro il Libano.

Lo scenario di un ripescaggio ai Mondiali dell'Italia è dunque decisamente impercorribile, anche perché, in caso di esclusione dell'Iran, sarebbe molto probabilmente una tra Emirati Arabi Uniti, Australia e Perù a poter sperare in un ripescaggio. Le prime due si affronteranno infatti nell'ultimo playoff della zona asiatica (la stessa dell'Iran) e la vincente affronterà il Perù nello spareggio finale per l'accesso ai Mondiali. E' già ai limiti del possibile che possa accadere una cosa del genere, figuriamoci un ripescaggio dell'Italia.