News LIVE
Serie A

La rivincita di Inzaghi: "Adesso fa comodo dire 'Inter corazzata', ma a luglio giudizi diversi"

20:57 CET 22/12/21
Simone Inzaghi Inter Torino Serie A
L'allenatore nerazzurro al termine della sfida contro il Torino: "Ho dei ragazzi meravigliosi, hanno recuperato lo svantaggio in un mese e mezzo".

L'Inter vince l'ultima partita dell'anno grazie a una rete di Denzel Dumfries nel primo tempo a San Siro.

Simone Inzaghi è intervenuto a DAZN dopo il triplice fischio finale di Inter-Torino, match che ha chiuso il 2021 dei nerazzurri.

"Abbiamo fatto una partita importante perché il Torino è una squadra difficile da affrontare. Abbiamo rischiato poco e nulla e probabilmente dovevamo fare il secondo goal nel secondo tempo, perché abbiamo giocato meglio nel primo tempo, ma siamo contenti per come abbiamo chiuso il 2021".

Il tecnico nerazzurro ha parlato poi della prima parte della sua esperienza all'Inter.

"Se mi aspettavo di arrivare e fare questi risultati? C'era grande speranza in me, avevo grandissima fiducia: adesso fa comodo a tutti dire che l'Inter è una corazzata e che è la favorita, ma alla fine di luglio e all'inizio di agosto i giudizi non erano questi. Sono stati bravi i ragazzi, per noi deve essere uno stimolo. Poi la società si è fatta trovare pronta e abbiamo acquistato giocatori congeniali alla mia filosofia di gioco. Noi ci abbiamo messo del nostro".

Un plauso, secondo Inzaghi, va ai suoi giocatori, bravi a recuperare i punti persi.

"Al di là del titolo da campioni d'inverno e nonostante il distacco all'inizio della stagione ero fiducioso: siamo contenti di aver chiuso il girone d'andata nel migliore dei modi, ci prendiamo il buon momento, ma sappiamo che ci aspetta un cammino pieno d'insidie. Sapevamo che il pensiero in Champions ci avrebbe tolto qualche punto, ma ho dei ragazzi meravigliosi che hanno recuperato tanti punti in un mese e mezzo".

Infine un pensiero relativo al Natale: Inzaghi staccherà la spina per qualche giorno.

"Un regalo sotto l'albero? E' quello che mi farò: stare con i miei genitori, con mia moglie e i miei figli perché purtroppo siamo dei privilegiati, ma giocando ogni 3 giorni con viaggi tante volte trascuriamo gli affetti che sono la cosa più importante che abbiamo".