Notizie Partite
Serie A

Ehizibue e Genova nel destino: non firmò con il Genoa per volere di Dio

18:29 CET 23/01/23
Ehizibue Sampdoria Udinese
L'esterno dell'Udinese ha firmato il suo primo goal in A nello stadio che avrebbe dovuto essere suo: tutto saltò per un'interferenza... divina.

A un certo punto, forse, Kingsley Ehizibue avrà anche pensato a un segno del destino. Perché il primo goal in Serie A e con l'Udinese dell'esterno, spesso costretto a guardare i compagni giocare dalla panchina, è arrivato domenica al Ferraris di Genova. Ovvero quello che avrebbe dovuto essere il suo stadio. Con la maglia del Genoa, però.

Ecco: il mancato trasferimento in rossoblù - roba di gennaio 2019, ormai quattro anni fa - non rappresentò un normale episodio di calciomercato. Per nulla. Quell'operazione saltò non perché un agente avesse chiesto troppo, non per un mancato accordo sullo stipendio, non per motivazioni tecniche. No: non si concretizzò per un'interferenza... divina.

Ehizibue giocava nel PEC Zwolle, formazione di Eredivisie. Il Genoa aveva trovato l'intesa col club olandese e l'aveva trovata anche con lui. Visite mediche già effettuate, firma sul contratto pronta. Poi, all'improvviso, il dietrofront. A suggerirglielo, raccontavano i media olandesi, fu Dio. E Kingsley, fervente religioso, gli diede ascolto.

Sono andato lì per vedere quali erano le mie sensazioni - raccontava l'esterno friulano all'epoca -Tutto era ben organizzato, ma alla fine il mio cuore mi ha detto che questo non era il momento giusto per lasciare il PEC ed andare al Genoa. È stata una delle decisioni più difficili della mia vita”.

Sui social network, Ehizibue ha ringraziato Dio anche dopo aver regalato la vittoria all'Udinese contro la Sampdoria, domenica all'ora di pranzo. Ironia della sorte, ha punito la squadra contro cui avrebbe dovuto giocare il Derby della Lanterna, se solo una voce dal profondo del cuore non gli avesse impedito di trasferirsi prima in Italia.

Una doppia beffa per la Samp, sempre più avviata verso una retrocessione triste e malinconica. E una giornata da ricordare per Ehizibue, che con quel guizzo vincente dopo un retropassaggio errato di Winks ha riportato i tre punti alla squadra di Sottil dopo una secca di 10 giornate.