Notizie Partite
Serie A

Astinenza da record per Lukaku e Giroud: Inter e Milan senza i goal dei loro bomber

08:36 CET 26/01/23
Lukaku Giroud 2023
Lukaku e Giroud sono rispettivamente a sei e cinque gare consecutive senza andare a segno in Serie A: ad Inter e Milan mancano i loro goal.

L’arma in più può trasformarsi nell’anello debole. Un effetto boomerang che capovolge la situazione e cambia il corso degli eventi. È quanto sta accadendo a Inter e Milan, alle prese con la lunga astinenza da goal dei rispettivi principali cannonieri, Romelu Lukaku e Olivier Giroud.

Se da una parte i nerazzurri arrivano dal brusco stop contro l’Empoli a San Siro, che ha interrotto una serie positiva in un inizio 2023 tutto sommato positivo, dall’altra parte la scarsa vena realizzata dell’attaccante francese è tra le motivazione di un crisi del Milan che al momento appare senza fine. 

Complici infortuni muscolari che lo hanno tenuto a lungo lontano dal rettangolo verde di gioco, il belga ha totalizzato appena 7 presenze nel girone d’andata di Serie A, realizzando appena una rete.

Lukaku non va in goal in campionato da oltre cinque mesi, vale a dire dalla sfida d’esordio stagionale il 13 agosto scorso al Via del Mare di Lecce, vinta dalla squadra di Inzaghi per 2-1. Poi un lungo digiuno tra presenze sporadiche e infortunio che lo hanno costretto ai box. 

L’Inter può contare sull’apporto realizzativo di Lautaro Martinez, già a quota 4 goal in questo 2023, e di Edin Dzeko, decisivo nello scontro diretto contro il Napoli del 4 gennaio e a Riad proprio contro il Milan, nella finale di Supercoppa Italiana, ma attende con impazienza le reti di Lukaku, trascinatore e uomo dell’ultimo scudetto nerazzurro targato Antonio Conte.

Il ritorno del belga in estate garantiva un bottino importante dal punto di vista realizzativo, aspettative non soddisfatte al giro di boa. Come sottolinea Opta, Lukaku è arrivato per la prima volta a gennaio con un solo goal all’attivo: il belga non segna da sei presenze di Serie A, la sua striscia peggiore nella massima serie italiana.

Numeri horror che rispecchiano quelli del bomber sull’altra sponda del Naviglio, Olivier Giroud. Il francese sta mancando molto al Milan di Pioli, che fatica a trovare la via del goal con tre gare consecutive senza reti tra Coppa Italia (Torino), Supercoppa Italiana (Inter) e Serie A (Lazio).

L’attaccante di Chambéry sta attraversando un momento molto difficile, con il feeling con il goal che appare - per usare un eufemismo - in crisi. Giroud non segna dal 5 novembre, gara vinta per 2-1 dai rossoneri sullo Spezia.

Poi un lungo digiuno che sta facendo segnare un ricordo negativo personale, eguagliando uno stabilito in precedenza: l’ex Chelsea e Arsenal non va a bersaglio da cinque presenze di campionato (410 minuti) e non è mai arrivato a sei presenze consecutive nella competizione senza andare a referto.

Un dato preoccupante e un tabù che lo stesso attaccante francese spera di spezzare già in occasione del ‘lunch match’ di domenica contro il Sassuolo, a San Siro. Quel Sassuolo a cui Giroud siglò una doppietta nel match che ha decretato lo Scudetto rossonero il 22 maggio scorso. Dolci ricordi e un avversario che porta fortuna per provare a sbloccarsi nuovamente e tornare a segnare a raffica.